Fiat 500 Spiaggia Fiat 500 Spiaggia

 

click to open photogallery   

 

 

Fiat 500 Boano Spiaggia 1958

Ex Avv. Giovanni Agnelli

L'ex presidente della Fiat Giovanni Agnelli voleva una vettura molto speciale adatta per i suoi spostamenti durante l'estate dalla sua casa alla spiaggia e per questo motivo commissionò due Fiat 500 Spiaggia al carrozziere Mario Boano, un esemplare per lui e l'altro per il suo amico Aristotele Onassis.

Le due Fiat 500 Boano spiaggia vennero realizzate con carrozzeria in alluminio, paraurti in mogano lungo tutto il profilo vettura e sedili in vimini, basato sul telaio e la meccanica della Fiat 500 N

La Fiat 500 spiaggia è anche l'ultima vettura costruita da Boano prima di chiudere la Carrozzeria Boano per andare a dirigere il nascente  "Centro Stile Fiat” nel 1958.

La vettura presentata a Villa d'Este (targa TO259879) è il primo dei due esemplari realizzato per Giovanni Agnelli mentre l'altro di Onassis aveva un numero di targa successivo (TO259880).

Il soprannome  "Spiaggina " poi dato a tutte le vetture spiaggia deve la sua origine alla Fiat 500 Boano Spiaggia e anche per questo motivo a molti piace chiamarla  "il Sacro Graal delle Spiaggine”.

Questa vettura è stata celebrata dalle riviste più glamour di quel tempo (Vogue USA dell’agosto 1963 ha fotografato l'auto nella splendida Villa La Leopolda a Villefrance-Sur-Mer con a bordo Marella Agnelli) con il meglio del  "jet set " a bordo lungo le strade della Riviera francese e non solo.

Attori di Hollywood, industriali e uomini di successo dell’era della “dolce vita " facevano a gara per essere fotografati accanto ai due famosi proprietari di questa vettura fantastica, mentre stavano andando a feste o verso la spiaggia.

L’auto è appartenuta all’Avvocato Agnelli dal 1958 al 1973.

Più tardi nel dicembre 1973 è stata ceduta al suo autista personale Bernardino Aiassa al momento del suo congedo di  servizio per L'Avvocato, che durò dal 1946 al 1973.

Aiassa ha poi immediatamente ceduto l'auto a Mario Rossi un amico di lunga data di Agnelli e industiale molto ben noto nel mondo del cinema di quel tempo, perché la sua azienda produceva in esclusiva le bobine magnetiche sulle quali sono stati registrati tutti i film di Hollywood.

Mario Rossi custodisce gelosamente la Fiat 500 spiaggia per oltre trent'anni, utilizzandola raramente nell'immenso parco della sua residenza sulle colline torinesi fino alla data della sua morte avvenuta nello stesso anno in cui morì Giovanni Agnelli nel 2003.

Da quel giorno la Fiat 500 Spiaggia è rimasta inutilizzata fino a quando l'Auto Classic di Torino (specialisti del restauro e della vendita delle auto d’epoca italiane più rare e preziose)  l’ha ritrovata e riportata sotto la luce dei riflettori del Jet Set Internazionale al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este.